Sustenaible Development-Sviluppo Sostenibile (5°puntata)

0
1269

La Conferenza di Stoccolma (1972-Svezia) è da considerarsi la prima tappa fondamentale nella quale si elaborò il concetto di SD. Centotredici nazioni (113) ne definirono i criteri con delle linee guida su 26 princìpi. Vennero prese in considerazione la gestione delle risorse, le strategie d’intervento relative all’impatto ambientale e le risorse rinnovabili. La visione di Ambiente non fu più quella di singoli porzioni che compongono il pianeta, ma di un unico contesto organico. Ne nacque il cosiddetto U.N.E.P. (United Nations Environmental Program), il programma ambientale dell’O.N.U. che prende in considerazione le politiche ambientali a livello internazionale, coordinandole e regolamentandole.

E’ a partire dal W.C.E.D. (World Commission on Environment and Development-Commissione Mondiale per l’Ambiente e lo Sviluppo) presieduta dalla norvegese Brundtland, che venne menzionato per la prima volta il concetto di SD. Nel rapporto “Our common future” (Il futuro di tutti noi), meglio conosciuto come rapporto Brundtland, si stabilì che per sostenibilità si intendesse:

 

  • la capacità dell’umanità di rispondere alle esigenze del presente senza pregiudicare la capacità delle future generazioni di rispondere alle loro necessità.

 

  • un processo nel quale lo sfruttamento delle risorse, la direzione degli investimenti, l’orientamento dello sviluppo tecnologico ed il cambiamento istituzionale sono tutti in armonia, ed accrescono le potenzialità presenti e future per il soddisfacimento delle aspirazioni e dei bisogni umani.

 

Dunque, si prospettava un ciclo per tentare una governance mondiale delle problematiche ambientali per migliorare la qualità di vita per tutti, quella del presente, senza compromettere quella del futuro.

Il concetto di SD non deve avere solo una valenza scientifica, ma soprattutto politica perché qui partono le iniziative legislative per cercare di contrastare le problematiche ambientali e cercare consenso popolare per sensibilizzare l’opinione pubblica a svolgere la loro parte.

Dietro questo concetto, la figura di rilievo non deve essere solo ed esclusivamente la salvaguardia ambientale. Infatti vanno considerati tre fattori, che a loro volta si legano fra loro sulla prevenzione

Sviluppo economico

Tutela ambientale

Condizioni sociali

Articolo precedenteSustenaible Development-Sviluppo Sostenibile (4°puntata)
Articolo successivoSustenaible Development-Sviluppo Sostenibile (6° puntata)
Salve a tutti! Mi chiamo Alessandro. La decisione di creare questo blog è nata da un'idea di mio cognato: mettere in rete i miei appunti universitari sulle tematiche ambientali e non, sotto forma di sito web personale. Con la passione per la divulgazione scientifica, ho deciso di scendere in campo affrontando questo percorso per un'informazione scientifica quanto più attendibile, lontano da quelle "verità assolute" che spesso vengono prese come baluardo inoppugnabile della Scienza. Gli argomenti sono a disposizione di tutti, soprattutto per un pubblico profano, che ha poca dimestichezza con temi di carattere scientifico, ma anche, (perché no), per chi è esperto e vuole leggere con piacere ciò che già sa. Il compito precipuo è la correttezza dell'informazione, primo perché è fondamentale per comprendere un argomento, secondo perché sto assistendo alla nascita di "ceppi virulenti" contro la Scienza che altro non fanno che creare confusione al vasto pubblico. Sperando che gli argomenti siano di vostro gradimento, auguro a voi tutte/i, buona lettura.