Sustainable Development…Sviluppo Sostenibile (1°puntata)

0
1100

Nelle politiche ambientali europee venne introdotto il concetto di “Sviluppo Sostenibile” (Sustainable Development-SD) a partire dal 1987 e da allora, i governi, le aziende, gli atenei e pure i media, cominciarono a esprimersi in suo favore.

Ma alla luce dei fatti, che cosa s’intende per Sviluppo Sostenibile? Quale contesto storico, in generale, ne ha determinato la nascita? E quali sforzi si stanno facendo per muoverci in quella direzione?

Questo argomento desta grande interesse perché tocca da vicino le questioni ambientali. Per comprendere al meglio, ho sviluppato (ove necessario anche approfondendo) anche aspetti che non sono propriamente di mia pertinenza, come ad esempio concetti prettamente economici, ma che ritengo importanti per l’argomento. Perciò mi scuso in anticipo di una eventuale tediosità di questo capitolo.

Concedetemi un mio punto di vista riferito al concetto di Sviluppo Sostenibile che potrebbe, di primo acchito, non sembrare molto scientifico: intendere l’SD (Sustainable Development-Sviluppo Sostenibile, così lo abbrevieremo per comodità con un acronimo anglosassone) come cercare di assumere un nuovo atteggiamento nei confronti del pianeta.

Articolo precedenteLe politiche ambientali 2
Articolo successivoSustainable Development-Sviluppo Sostenibile (2° puntata)
Salve a tutti! Mi chiamo Alessandro. La decisione di creare questo blog è nata da un'idea di mio cognato: mettere in rete i miei appunti universitari sulle tematiche ambientali e non, sotto forma di sito web personale. Con la passione per la divulgazione scientifica, ho deciso di scendere in campo affrontando questo percorso per un'informazione scientifica quanto più attendibile, lontano da quelle "verità assolute" che spesso vengono prese come baluardo inoppugnabile della Scienza. Gli argomenti sono a disposizione di tutti, soprattutto per un pubblico profano, che ha poca dimestichezza con temi di carattere scientifico, ma anche, (perché no), per chi è esperto e vuole leggere con piacere ciò che già sa. Il compito precipuo è la correttezza dell'informazione, primo perché è fondamentale per comprendere un argomento, secondo perché sto assistendo alla nascita di "ceppi virulenti" contro la Scienza che altro non fanno che creare confusione al vasto pubblico. Sperando che gli argomenti siano di vostro gradimento, auguro a voi tutte/i, buona lettura.